Viaggiarepertutti

Sei in Home - In Italia - La Toscana- Una giornata all'Elba
Descrizione immagine
Descrizione immagine
POMPEI E LA COSTIERA AMALFITANA
Durante la crociera Le isole gioiello del Mediterraneo con Costa NeoRiviera abbiamo fatto tappa a Salerno e non ci siamo lasciati sfuggire l'occasione per andare a visitare Pompei e la mitica Costiera Amalfitana.
Usciti comodamente a piedi dal porto di Salerno, abbiamo iniziato la nostra giornata in Campania con la compagnia e l'aiuto di un caro amico che in macchina ci ha portato a fare un giro meraviglioso! Caricata la nostra inseparabile sedia, abbiamo imboccato un tratto di autostrada fino a Pompei, adagiata ai piedi del Vesuvio con il suo inconfondibile cono.
Pompei non ha bisogno di presentazioni: abitata sin da epoche remote, la città divenne un ricco centro romano fino a quando, il 24 agosto del 79 d.C., un'improvvisa eruzione del Vesuvio la seppellì sotto una coltre di cenere e lapilli. Fu riscoperta sistematicamente a partire dal 1748 e oggi è ancora luogo di scavo, di ricerca, di conoscenza in uno scenario unico al mondo, emozionante e commovente.
All'ingresso degli scavi
La tragedia...
Davanti all'anfiteatro
Lungo Via dell'Abbondanza
Il Thermopolium di Vetutius Placidus
Le vigne rinate
Due parole sull'accessibilità, ovviamente condizionata dalla particolarità del sito: purtroppo l'accessibilità degli scavi è al momento parziale. L'ingresso suggerito per persone con disabilità motorie è quello detto dell'Anfiteatro, che si trova vicino al Santuario della Madonna di Pompei. Qui alla biglietteria riceverete un biglietto gratuito per la persona disabile e il suo accompagnatore, oltre all'utilissimo materiale che vi accompagna nella visita (guida e mappa). Presso questo ingresso sono presenti anche servizi igienici attrezzati per disabili.
Da qui dovrebbe partire in futuro un percorso accessibile; per il momento il primo monumento raggiungibile, non senza qualche difficoltà causata soprattutto dalla ghiaia, è l'Anfiteatro. All'interno dell'edificio è stata realizzata una piramide in legno che ospita i calchi in gesso dei corpi di alcuni abitanti sorpresi dall'eruzione del vulcano: un momento molto toccante...
Vicino all'Anfiteatro si trova una vigna sperimentale dove vengono riprodotte antiche colture a seguito di attenti studi sulle iconografie degli apparati decorativi e i testi letterari: a Pompei si produce il vino "Villa dei Misteri" con uve della qualità piedirosso e sciascinoso e dalle caratteristiche uniche in quanto realizzato secondo le tecniche di viticoltura di duemila anni fa.
Per il momento il resto della città lo ha potuto visitare - in parte ovviamente vista la grandezza dell'area! - solo Francesca, mentre io aspettavo pazientemente in compagnia di un signore inglese in sedia a rotelle all'ombra dei pini...
Panorama dalla Costiera
La strada tra rocce e mare
La chiesa con la cupola in maiolica
Lasciata Pompei e risaliti in macchina ci siamo diretti verso il mare: prima tappa Sorrento, dove abbiamo mangiato ovviamente dei fantastici gnocchi alla sorrentina in un piacevole ristorante accessibile immerso nel verde di un giardino di agrumi, sulla collina sopra la città.
E dopo pranzo pronti, via lungo la Costiera Amalfitana! Si imbocca questa strada unica al mondo, scavata lungo la costa a picco sul mare e riconosciuta Patrimonio dell'UNESCO per la bellezza dei paesaggi che regala ad ogni curva, per i paesi a strapiombo con le cupole delle chiese ricoperte di maioliche colorate, per i limoni che crescono rigogliosi...
Noi l'abbiamo percorsa tutta, ammirando questi paesaggi mozzafiato fino a rientrare a Salerno.