Filari nelle Langhe

Grandi vini tra Langhe, Roero e Monferrato

Scoprire le Langhe, il Monferrato e il Roero è un’esperienza unica e indimenticabile. Un territorio straordinario, modellato dalle mani dell’uomo, divenuto patrimonio mondiale dell’UNESCO grazie alla sua unicità.

Un weekend qui scorre tra castelli, vigneti, cantine e una incredibile varietà di sapori, dal tartufo bianco di Alba ai grandi vini rossi, dalla nocciola ai formaggi…

Le Langhe sono una regione collinare del Piemonte tra le province di Asti e Cuneo; nel 2014 l’Unesco ha riconosciuto il paesaggio vitivinicolo del territorio di Langhe, Roero e Monferrato – altre zone storiche della regione – Patrimonio dell’Umanità.

In questa zona nascono i grandi vini rossi storici, dal Barolo al Barbaresco. Viaggiando tranquillamente tra i filari di vite, curati con estremo amore, abbiamo visitato alcuni luoghi accessibili dove scoprire tra il profumo delle botti, nella penombra delle cantine, i segreti della vinificazione e degustare ottimi vini, accompagnati dalla passione di chi questi vini li produce e li vede nascere e crescere, dalla vigna alla cantina al bicchiere.

Enoteca Regionale di Grinzane Cavour

Un buon inizio per conoscere i vini del territorio è visitare l’Enoteca Regionale ospitata nel Castello di Grinzane Cavour. Il sistema delle enoteche regionali consente di conoscere i vini, le grappe e i prodotti del territorio di tutti i migliori produttori; qui si possono degustare e acquistare.

L’enoteca di Grinzane è ospitata nel castello che fu residenza di Camillo Benso di Cavour: si tratta di una struttura storica, con alcuni limiti nell’accessibilità legati soprattutto alla visita del percorso museale. Il castello sorge in splendida posizione panoramica: con il contrassegno azzurro per disabili si può raggiungere l’ingresso dell’enoteca direttamente in macchina. Il personale – estremamente disponibile – posiziona una rampa per superare il gradino all’ingresso ed è comunque pronto ad aiutare chi entra in sedia a rotelle; all’interno dell’enoteca non ci sono poi problemi di visita.

Cantine Dosio

Nel comune di La Morra, a pochi chilometri da Barolo nel cuore della Langa, abbiamo trovato questa splendida cantina accessibile, circondata dalle vigne. La cantina Dosio è facilmente raggiungibile in macchina, ha un comodo spazio piastrellato antistante l’ingresso della cantina e tutti gli spazi – sia della cantina che dell’area degustazioni – sono comodamente percorribili anche in sedia. La visita è coinvolgente al massimo, grazie alla passione e alla competenza con cui il signor Dosio in persona racconta i suoi splendidi vini e la pazienza con cui vengono creati, dalla vendemmia sino all’apertura della bottiglia. Al termine del percorso non fatevi mancare una degustazione che vi accompagna dai classici del territorio – Barbera d’Alba, Dolcetto d’Alba, Nebbiolo d’Alba, Roero Arneis – fino al Barolo, di cui potrete assaporare le varie declinazioni prodotte dall’azienda.

Cantine Sylla Sebaste

A Barolo abbiamo visitato la piccola ma affascinante cantina Sylla Sebaste. E’ un’azienda a conduzione familiare, con una produzione accurata e di grande qualità: la struttura, che sorge al colmo di una collina, è comoda da raggiungere e da visitare e offre al termine una ricca esperienza di degustazione. Si possono assaporare, attraverso degustazioni guidate di grande spessore, i vini del territorio e la loro declinazione: assaggiare le diverse qualità di Barolo e riuscire a scoprire le sottili ma significative differenze è un’esperienza sensoriale indimenticabile! La produzione va dal Barolo al Nebbiolo d’Alba, dal Barbera d’Alba al Dolcetto d’Alba, dal Roero Arneis per finire con il Moscato e l’eccellente Barolo Chinato.

Cantine Rusél

Nei nostri vagabondaggi tra le colline ricoperte di vigneti ci siamo fermati per curiosità in questa piccola, giovane cantina familiare, Rusél di Marco Rosselli nel comune di Barbaresco, altro luogo da cui proviene un’eccellenza del territorio. La cantina è accessibile e offre un ampio spazio di degustazione: qui verrete accolti calorosamente e avrete modo di assaggiare la produzione aziendale, ovviamente a partire dal Barbaresco, altro rosso di grande spessore.

Ospitalità: i nostri consigli

Sono due le strutture in cui abbiamo soggiornato nel territorio.

Cascina La Corte a Neive: un B&B in posizione strategica, immerso nei vigneti, nel silenzio della campagna. La struttura in realtà non è totalmente accessibile, nel senso che sono presenti alcune barriere architettoniche (gradino per la camera al piano terra, per la sala colazioni, bagno ampio ma non espressamente attrezzato) per cui non è consigliata per tutti. Ma se queste barriere non vi fermano, avrete un’accoglienza come a casa, una vista bellissima, un colazione ricca di prodotti del territorio.

Casalora Resort a Guarene: abbiamo soggiornato in questa bellissima struttura affacciata sulle Langhe, un antico cascinale ristrutturato che conserva intatto il suo fascino. Una delle camere è dotata di bagno attrezzato per persone disabili, sebbene la struttura per sua natura non sia comodissima in carrozzina: alcuni passaggi sono con pavimentazione non uniforme o con dislivelli. Il resort è collegato – a poche decine di metri – con il ristorante La Madernassa dove il giovane chef Michelangelo Mammoliti – 1 stella Michelin – accoglie gli ospiti con una cucina unica, assolutamente da provare! Il ristorante va raggiunto in macchina: comunicando il vostro arrivo, potrete salire con la macchina sino alla terrazza e da lì accedere direttamente alla sala, evitando le scale.

Pillole di accessibilità

Alcuni utili strumenti per un turismo accessibile nella zona:

  • una piccola guida ai luoghi di interesse accessibili, messa a disposizione dall’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero con la collaborazione di Turismabile – scarica qui (.pdf 670 KB)
  • una mappa con le strutture ricettive accessibili recensite da Sportabili di Alba – scarica qui (.pdf 1 MB)